A chi si rivolge l’Incentivo Nuove imprese a tasso zero?

A chi si rivolge l’Incentivo Nuove imprese a tasso zero

Istituito e finanziato da Invitalia (Agenzia Nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa), l’incentivo “ON – Oltre Nuove imprese a tasso zero” è ormai attivo dal 13 gennaio 2016.

Questo incentivo nasce con l’obiettivo di facilitare l’apertura e la vivibilità delle aziende grazie a numerosi vantaggi e detrazioni fiscali.

Ma, a chi si rivolge l’incentivo Nuove imprese a tasso zero? Vediamolo in questo approfondimento.

Nuove imprese a tasso zero: cos’è e a chi si rivolge?

Nuove imprese a tasso zero è un incentivo che sostiene l’avvio di nuove PMI (piccole e medie imprese) avviate prevalentemente da giovani tra i 18 e i 35 anni oppure da donne di qualsiasi età.

Più precisamente, l’incentivo finanzia:

  • imprese commerciali di beni e servizi;
  • imprese produttrici di beni nei settori industriale, artigianale, e di trasformazione agricola;
  • fornitura di servizi a persone e imprese;
  • attività a fine turistico;
  • progetti nel settore turistico-culturale e nell’ambito dell’innovazione sociale e tecnologica.

È possibile anche l’approvazione di progetti ideati da persone singole purché aprano un’attività entro 45 giorni dall’ammissione della domanda.

Per quanto riguarda i progetti, però, le spese non dovranno superare l’importo di 1,5 milioni di euro.

Invitalia erogherà per il contribuente il 75% delle spese, mentre il restante 25% dovrà essere a carico dell’impresa. Nel caso questa non potesse erogare tale somma, potrà comunque integrare un altro finanziamento bancario.

Nuove imprese a tasso zero: presentazione della domanda

Per quanto riguarda la domanda, le imprese non dovranno essere registrate come società da più di 1 anno al momento della richiesta dell’incentivo.

I piani di impresa devono essere:

  • presentati entro e non oltre i 12 mesi dall’approvazione dell’incentivo;
  • avviati successivamente alla presentazione della domanda;
  • conclusi entro 24 mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento.

L’incentivo è a sportello: non ci sono graduatorie né scadenze e le domande sono esaminate in base all’ordine di arrivo.

I progetti che troveranno riscontro positivo otterranno un rimborso agevolato che sarà erogato in un massimo di 8 anni, con due rate posticipate.

L’erogazione del denaro però non avverrà prima del completamento del piano di investimenti da parte dell’impresa.

Presentare la domanda è molto semplice, tuttavia è necessario fare molta attenzione ai documenti da allegare, che saranno diversi se la società è già costituita oppure se è ancora da costituire.

Rivolgiti a uno studio specializzato per presentare la domanda e avere un sostegno e un’assistenza professionale completa per ottenere questo importante sostegno alle start up di micro e piccole imprese.

Avv. Ignazio Ballai

Avv. Ignazio Ballai

Hai bisogno di una consulenza legale?
Grazie alla mia esperienza pluridecennale, posso garantirti una valida e completa assistenza.

Potrebbe interessarti…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *